Cresima

 

La Cresima (o Confermazione) è il sacramento che perfeziona la grazia battesimale; è il sacramento che dona lo Spirito Santo per per radicarci più profondamente nella filiazione divina, incorporarci più saldamente a Cristo, rendere più solido il nostro legame con la Chiesa, associarci maggiormente alla sua missione e aiutarci a testimoniare la fede cristiana con la parola accompagnata dalle opere. (Cfr. Catechismo della Chiesa Cattolica, n.1316).

Semplificando molto, il sacramento della Cresima è come la seconda parte del Battesimo: la persona a cui è stato fatto il dono della vita di fede quando era ancora in fasce, una volta cresciuta desidera “confermare” la decisione dei genitori, diventando discepola del Signore Gesù con una decisione personale.

 

Per conoscere e approfondire: Catechismo della Chiesa Cattolica, nn. 1285-1321 (consultabile da qui)

 

Padrino e/o madrina della Cresima

Per svolgere il compito di padrino e/o madrina della Cresima, le persone (scelte possibilmente dai ragazzi stessi) devono averne i requisiti. Tra gli altri, come per il battesimo: avere più di 16 anni di età; avere ricevuto i sacramenti del battesimo e della cresima; essere attualmente credenti e praticanti, impegnati a condurre una vita conforme alla fede cristiana cattolica; non essere conviventi; non essere sposati solo civilmente; non essere divorziati-risposati; non essere iscritti ad associazioni contrarie alla Chiesa Cattolica; conoscere, comprendere e accettare gli impegni conseguenti al compito di padrino e/o madrina e in particolare di collaborare – anzitutto con l’esempio – all’educazione religiosa e morale del figlioccio/a.

Possedendone i requisiti, i padrini e le madrine dichiarano la propria idoneità al compito facendo pervenire ai catechisti una autocertificazione, compilata sotto giuramento davanti a Dio (e che nel territorio della Diocesi di Torino non ha bisogno di essere vidimata da altri).

Nota: il modulo di tale autocertificazione si può richiedere in Ufficio Parrocchiale, oppure scaricare dal sito della Diocesi di Torino, oppure ancora qui di seguito.

 

Moduli e documentazione